top of page

Contro le minacce agli ebrei. Contro il genocidio a Gaza.



Durante il presidio contro l'antisemitismo a Milano, siamo stati temporaneamente allontanati e identificati dalla Digos per il cartello esposto qui in foto” hanno raccontato i due consiglieri comunali Verdi di Milano, Francesca Cucchiara e Tommaso Gorini, che hanno poi spiegato:


Abbiamo aderito alla manifestazione perché fermamente contrari a ogni forma di antisemitismo: le minacce rivolte alle persone ebree sono inaccettabili. Abbiamo però voluto ribadire la nostra ferma denuncia nei confronti dei crimini di guerra di Netanyahu. Davanti al massacro della popolazione palestinese, con 35mila persone uccise e un territorio totalmente raso al suolo, non possiamo rimanere in silenzio. In Consiglio Comunale abbiamo sempre condannato i massacri del 7 ottobre ad opera di Hamas, ma è necessario cessare il fuoco immediatamente e impedire altre vittime civili”.


Angelo Bonelli ha commentato: “Il ministro Piantedosi spieghi la ragione per cui due consiglieri che pacificamente portavano due cartelli per condannare l’antisemitismo e il massacro realizzato a Gaza sono stati fermati e identificati. Siamo in uno Stato di polizia da regime dove esprimere un’opinione diversa porta all’intervento della polizia? Criticare il governo Netanyahu e le sue politiche criminali non significa essere antisemiti. Noi ribadiamo l’urgenza della liberazione degli ostaggi israeliani nelle mani di Hamas, che è il peggior nemico della causa palestinese, come Nethanyahu è il peggiore nemico delle ragioni del popolo israeliano”.





3 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page